L’e-mail avrà presto valore legale

La posta elettronica potrà diventare ‘posta certificata’, come una normale raccomandata con avviso di ricevimento, così che l’invio e la ricezione di documenti attraverso strumenti informatici avrà valore legale.

Il Consiglio dei Ministri, su proposta di Lucio Stanca, Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie, e Luigi Mazzella, Ministro per la Funzione Pubblica, ha infatti approvato un Dpr che disciplina e conferisce valore legale all’uso della posta elettronica certificata, non solo nei rapporti con la Pubblica amministrazione ma anche tra cittadini.

L’e-mail certificata sarà presto resa disponibile dai gestori di posta elettronica come ulteriore servizio. Verrà quindi istituito un elenco ufficiale dei gestori di posta elettronica certificata presso il Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA), al quale saranno assegnati compiti di vigilanza e controllo sull’attività degli iscritti. Il decreto stabilisce inoltre che, nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte venga conservata per trenta mesi in un apposito registro informatico custodito dai gestori, con lo stesso valore giuridico delle ricevute.

Andrea Pietrarota

Annunci