EMERGENZA SICCITA’ IN KENIA

COMITATO COLLABORAZIONE MEDICA


NON C’E’ PIU’ ACQUA NELLA TERRA DEI BORANA IN KENYA.

6 MILIONI DI PERSONE IN PERICOLO DI VITA

TRA L’INDIFFERENZA DELLA POLITICA ITALIANA.

AUMENTANO MALATTIE E FAME.

RICHIESTA UNA IMMEDIATA MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE.

Roma, 6 febbraio 2006“Mentre in Italia si continua con il teatrino mediatico pre-elettorale, di accuse e di false promesse mantenute” – dichiara Guido Barbera, presidente del Cipsi –coordinamento di 36 ONG di solidarietà internazionale – “circa 6 milioni di persone sono a rischio di morte per le conseguenze della terribile siccità nella vasta regione di Moyale in Kenya, nei territori compresi tra i confini di Kenya, Etiopia e Somalia. E’ ora di parlare dei veri problemi della gente” – continua Barbera – “e prendere atto dei fatti concreti: la cooperazione italiana è stata ridotta all’impotenza totale negli ultimi anni, nonostante le promesse di destinare l’1% delle risorse italiane, più volte fatte dal nostro presidente del Consiglio. Le Associazioni italiane nel 2006 non potranno neppure ricevere i fondi già utilizzati in vecchi progetti conclusi o per le attività in corso. Nessuna nuova attività potrà essere finanziata, a causa dei tagli della Finanziaria”.

Al momento la notizia di questa ennesima tragedia annunciata, non è ancora arrivata sui nostri media. “La crisi idrica continua ad aggravarsi, inesorabilmente”, dichiara Sabina Tangerini del CCM – Comitato di Collaborazione Medica, ONG CIPSI di Torino presente da molti anni nella zona con propri progetti sanitari.

“Facciamo appello alla comunità internazionale affinché ci si accorga che su questa terra arida c’è bisogno di aiuto immediato. Chiediamo una mobilitazione generale – politica e sociale – per riconoscere concretamente il diritto all’accesso all’’acqua come diritto fondamentale per la vita per ogni essere umano”.

I media del Kenya sottolineano la gravità della situazione ed espongono i disastrosi effetti a causa delle mancate piogge che cadono normalmente tra ottobre e dicembre. Lo stesso presidente Mwai Kibaki ha dichiarato “la fame è un disastro nazionale” ed ha chiesto aiuto a livello internazionale, precisando che circa il 10% della popolazione del suo paese è a grave rischio di vita per la mancanza assoluta di cibo.

Sabina Tangerini del CCM continua: “Noi che lavoriamo da anni in questi luoghi in aiuto alla popolazione locale, che conosciamo la cronica assenza d’acqua della regione, noi che abbiamo imparato a conoscere la capacità straordinaria di non sprecare le risorse idriche di questa gente, denunciamo che non c’è più acqua nella terra dei Borana e la catena di effetti innescati comincia ormai ad essere evidente. Gli animali stanno morendo (70%); il costo degli alimenti aumenta a causa della scarsezza cronica delle provviste; si cominciano a temere spostamenti di masse di persone affamate in cerca di terre più fertili. Quando le pozze e i bacini si seccano, anche la speranza si sbriciola come terra secca. I progetti sanitari su cui lavoriamo che prevedono la capacità di guardare al futuro sono destinati a fermarsi. Il presente diventa un pressante guardare al cielo e chiedersi quante donne, uomini e bambini non ce la faranno a vedere le prossime piogge.

La nostra ONG farà ora il possibile, coordinata con le altre realtà associative impegnate localmente, per cercare di far fronte ai gravi problemi che verranno ad intensificarsi nelle prossime giornate”. La popolazione Borana del distretto di Moyale, la popolazione dimenticata, così come è stata definita dalla Commissione per i Diritti Umani del Kenya – conclude Barbera – sta “finalmente” uscendo dal suo silenzio. E come tutte le popolazioni africane, sebbene ricche di splendide tradizioni e di insegnamenti preziosi sull’uso delle risorse e dell’ambiente naturale, rischia di farsi conoscere purtroppo attraverso quella che potrebbe essere una ennesima tragedia, questa volta legata all’acqua.

Il CCM ed il CIPSI lanciano una sottoscrizione a favore dell’emergenza acqua in Kenya. I contributi possono essere versati sui ccp, indicando la causale “emergenza acqua – Kenya”:

ccp n. 13404108 intestato a CCM – corso Lanza 100 – 10133 Torino e/o ccp n. 11133204 intestato a CIPSI, via Rembrandt n. 9, 20174 Milano.

**********************************************

Sabina Tangerini, Ufficio stampa CCM

C.C.M. Comitato di Collaborazione Medica

C.so G. Lanza 100/D – 10133 TORINO

Tel: 011-660.27.93 – Fax: 011-383.94.55

Mail: ccm@ccm-italia.org Web: http://www.ccm-italia.org

************************************************
Ufficio Stampa – Nicola Perrone
CIPSI – Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà Internazionale
Viale Baldelli, 41 – 00146 Roma – Tel. ++39/06/54.15.730 – Fax. ++39/06/59.600.533

cel. 329.0810937 –

E-mail: ufficiostampa@cipsi.it www.cipsi.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...