PADOVA – Il Selvatico in Mostra – Disegni, manufatti, documenti – dall’11 febbraio al 12 marzo 2006

IL SELVATICO, UNA SCUOLA PER L’ARTE DAL 1867 A OGGI
Padova, Palazzo del Monte di Pietà – Istituto Statale d’Arte “P. Selvatico”
11 febbraio – 12 marzo 2006

L’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo del Comune di Padova e l’Istituto Statale d’Arte “P. Selvatico”, in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di Padova, presentano alla città la storia di uno dei più antichi Istituti d’Arte, attraverso l’esposizione dei manufatti creati nei laboratori dell’Istituto dagli allievi, molti dei quali divenuti affermati artisti. La mostra è articolata in due sedi: disegni, manufatti e documenti dei primi cento anni saranno visibili presso il Palazzo del Monte di Pietà, progetti e opere degli ultimi decenni saranno esposti nella sede centrale della scuola, l’ex Macello edificato da G. Jappelli.
Il marchese Pietro Selvatico, architetto, storico e critico d’arte, ottenne nel 1867 dall’Amministrazione Comunale di Padova di istituire una “Scuola di disegno pratico, di modellazione e di intaglio per la formazione di giovani artigiani”.
La scuola aveva come scopo l’educazione di giovani da inserire nell’artigianato, nell’intento di elevare la qualità della produzione. Alla base del metodo didattico era il disegno, poiché Selvatico riteneva che soltanto padroneggiando questa tecnica, mezzo espressivo che unisce l’attività concettuale all’abilità manuale, si potesse riprodurre il modello e poi costruirlo in pietra, metallo o legno. Nei laboratori si imparava l’uso degli strumenti adatti alla lavorazione delle varie materie.
Lungo il percorso espositivo si potranno ammirare tavole di disegni di ispirazione naturalistica e di elementi di geometria piana e solida, risalenti agli ultimi decenni dell’Ottocento, provenienti dagli archivi della scuola.
I disegni sono di grande qualità e di interesse storico per comprendere il significato di una scuola che si inseriva nella problematica europea della valorizzazione dell’artigianato, a fronte dello scadimento estetico constatato nella produzione su larga scala, negli anni della rivoluzione industriale.
Verranno esposti, inoltre, alcuni disegni provenienti dal corpus “Le antiche fabbriche padovane”, di fine ‘800-inizio ‘900, eseguito per volontà di Barnaba Lava, direttore della scuola: si tratta di una sistematica rilevazione di antichi edifici di Padova, importante documentazione del patrimonio artistico cittadino.
Un mobile portadisegni in legno intagliato, premiato alla mostra di Parigi del 1900, modelli di cupole, archi, portali in legno, una elegante sovrapporta in metallo sono i più antichi manufatti di proprietà della scuola, sopravvissuti a traslochi e vicende belliche. I manufatti degli allievi, d’altro canto, venivano prodotti per essere direttamente venduti o offerti all’acquisto nelle fiere ed esposizioni nazionali ed internazionali alle quali la scuola partecipava.
Foto d’epoca testimoniano le diverse sedi occupate, fino alla sistemazione, nel 1910, nell’edificio dell’ex Macello dello Jappelli. Altre fotografie documentano l’allestimento di aule e laboratori, rendendo visibili manufatti non più rintracciabili.
Pittori come Guido Balsamo Stella e Mario Disertori negli anni ’20, Carlo Dalla Zorza e Antonio Morato negli anni ’30, Dino Lazzaro negli anni ’40, scultori come Eugenio Bellotto dal 1910 agli anni ’20, Servilio Rizzato negli anni ’30, Nerino Negri e Amleto Sartori dagli anni ’40 ai ’60, seguirono come docenti, fra altri, l’ ideazione e la realizzazione delle diverse opere presenti in mostra.
La scuola, inizialmente comunale, divenne “Regia Scuola Pietro Selvatico per le arti decorative e industriali” nel 1909, alle dipendenze del Ministero di agricoltura, industria e commercio. Nel 1924 passò al Ministero della Pubblica Istruzione e nel 1959 assunse il nome e l’ordinamento di Istituto d’Arte.
Nel tempo si modificarono insegnamenti, laboratori, sezioni. Negli anni ’60 venne istituita la sezione di tessitura mentre la scuola orafa del prof. Pinton (già allievo dell’Istituto Selvatico) diventò fucina di talenti internazionalmente riconosciuti, giunti ormai alla seconda generazione.
L’ultimo indirizzo istituito è quello di Disegno Industriale, nato negli anni ’90, sotto la presidenza di Giulio Bresciani Alvarez, architetto, storico dell’arte, per molti anni anche docente presso la scuola.
L’esposizione continua nella sede della scuola per esigenze di spazio e per permettere ai visitatori di apprezzare l’edificio jappelliano e la realtà della scuola: sarà infatti possibile, in giorni prefissati, visitare anche i laboratori e assistere alle varie fasi della lavorazione dei diversi materiali.
Presso la sede dell’Istituto Selvatico si potranno inoltre ammirare alcune opere non trasportabili: ad esempio un bassorilievo in terracotta di gusto naturalistico e ispirazione sociale risalente agli anni ’30 e uno in pietra con l’offerta simbolica della scuola alla Sacra Famiglia. Saranno esposti disegni dal vero e disegni geometrici, progetti grafici, realizzazioni di oreficeria, plastica, decorazione pittorica, tessitura e stampa su tessuto, modelli di architettura e prototipi di disegno industriale eseguiti dagli allievi dagli anni ’70 ad oggi, sotto la guida di insegnanti che sono spesso anche artisti apprezzati in ambito nazionale e internazionale.
Per l’occasione verrà esposto un pezzo di grande interesse storico-artistico e poco conosciuto: si tratta del modello in legno della Loggia Amulea, di Giuseppe Jappelli, di proprietà dell’Istituto d’Arte, restaurato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Catalogo edito da Canova Società Libraria Editrice.

La mostra è stata realizzata anche con il contributo di: Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato di Padova; Banca Popolare di Vicenza; La Schola; Tesitalia.

Possibilità di visite guidate (tel. Istituto St. d’Arte “P.Selvatico” 049/8751084-8900)

IL SELVATICO, UNA SCUOLA PER L’ARTE DAL 1867 A OGGI. Padova, Palazzo del Monte di Pietà, piazza Duomo 15 – Istituto Statale d’Arte “P. Selvatico”, Largo Meneghetti 1. Dall’11 febbraio al 12 marzo 2006. Orario di apertura al pubblico delle due sedi: 10.00 – 13.00, 14.30 – 18.30; chiuso i lunedì al Palazzo del Monte di Pietà e le domeniche nella sede del Selvatico. Ingresso libero. Per informazioni: Settore Attività Culturali – Servizio Mostre tel. 049/8204528-62, e-mail: infocultura@comune.padova.it

Ulteriori informazioni, aggiornamenti e immagini: http://padovacultura.padovanet.it

Carmine Granato – Padova – carminegranato@hotmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...