PROTESTE ED ASSALTI ALLE AMBASCIATE, DALL’AFGHANISTAN ALL’EGITTO, ALLA SOMALIA E …

FRUNTI NAZZIUNALI SICILIANU “SICILIA INDIPINNENTI”
FRONTE NAZIONALE SICILIANO “SICILIA INDIPENDENTE”

-Sikritarìa Nazziunali-

Kumunikatu Stampa

PROTESTE ED ASSALTI ALLE AMBASCIATE, DALL’AFGHANISTAN ALL’EGITTO, ALLA SOMALIA E ALL’INDIA. NO ALLA TURCHIA NELL’UNIONE EUROPEA

Gli Indipendentisti FNS ribadiscono che le reazioni a catena, contro le vignette blasfeme per l’islam, siano sproporzionate per la intensità, per il numero, per la carica di odio e i metodi violenti che le caratterizzano. Ormai i morti ed i feriti durante le manifestazioni popolari non si contano più. Ed è grave il fatto che alcuni Governi musulmani aizzino i manifestanti ad assalire le sedi diplomatiche occidentali e talvolta anche le Chiese. Sotto accusa in particolare sono il Governo della Siria e quello dell’Iran.

Fra i fatti più drammatici va ricordato l’assassinio del Sacerdote ANDREA SANTORO che ha commosso l’opinione pubblica internazionale. E che ci dimostra – unitamente a tanti altri fatti – quanto sia inopportuno ed errato parlare dell’ingresso della Turchia nella Unione Europea. Anche se la stampa europea cerca in cause diverse dalla guerra di religione il motivo che ha fatto premere il grilletto al giovane assassino, è certo che, se non vi fosse stato questo clima anticristiano, l’omicidio non sarebbe avvenuto.

Non bisogna sottovalutare le RITORSIONI commerciali già attivate o il ricatto delle forniture petrolifere già nell’aria. E non dimentichiamo che a GAZA – da parte dei manifestanti più esagitati – è stata presa di mira più volta persino la Sede della Rappresentanza dell’Unione Europea, che per la verità la Polizia locale ha difeso con decisione, impedendone l’assalto. Queste dimostrazioni di ostilità sono molto preoccupanti. Soprattutto se si considera che l’Unione Europea, nel corso del pluriennale contenzioso con lo Stato di Israele, non ha certo lesinato finanziamenti ai Palestinesi (senza peraltro andare troppo per il sottile sulle iniziative politiche e militari adottate di volta in volta dall’Autorità Palestinese). L’Europa non meritava e non merita, quindi, a prescindere dalle infelici vignette, le manifestazioni di ostilità o le minacce alle quali viene fatta segno. Ci accorgiamo – insomma – che la tensione è ormai alle stelle e che non serve a niente il fatto che molti Paesi ed organismi internazionali occidentali si siano sempre comportati amichevolmente con i Musulmani.

Analoga considerazione vale per le proteste organizzate in varie Città Europee da moltissimi Musulmani qui immigrati, i quali – anzichè adoperarsi per la pace – hanno solidarizzato con i fondamentalisti. Ovviamente non generalizziamo, in quanto ben conosciamo la correttezza con la quale si comporta la maggioranza dei Musulmani nostri Ospiti. Questa anomalia ha fatto – altresì – venire a galla, fra un disordine e l’altro, come esistano in Europa gruppi e movimenti politici di un certo colore politico che si offrono di assecondare i disegni dei fondamentalismo islamico e dell’antisemitismo più spinto in nome dell’eversione.

I Governi Europei e quelli Occidentali in genere devono ora intraprendere adeguate ed intelligenti iniziative diplomatiche per fare comprendere agli interlocutori islamici che esistono tanti modi per protestare senza ricorrere alla violenza. Ma anche per proporre, per il futuro, la sottoscrizione di accordi di buon comportamento che si basino sull’impegno del RISPETTO RECIPROCO, soprattutto in materia di Religione.

L’FNS puntualizza, infine, che – ferma restando in Occidente la validità del diritto alla libertà di stampa ed, in conseguenza, alla libertà di barzelletta o di vignetta – i Giornalisti ed i rispettivi Ordini professionali dovrebbero avere il senso di responsabilità di auto-limitarsi. E di evitare di esporre a gravissimi pericoli la SICUREZZA dei loro connazionali e gli interessi economici del Paese di appartenenza, nonché gli equilibri internazionali.

E dovrebbero, infine, tener presente che, per chi è guerrafondaio, ogni pretesto è buono per attaccare briga.

Palermu, 8 Frivaru 2006

GIUSEPPE SCIANÒ, Sikritariu FNS

————————————————————

Ringraziando per l’attenzione, porgo distinti saluti.
L’Addetto Stampa
(Giovanni Basile)

FRUNTI NAZZIUNALI SICILIANU “Sicilia Indipinnenti”
FRONTE NAZIONALE SICILIANO “Sicilia Indipendente”
Via Brunetto Latini, 26 – 90141 Palermo
tel&fax (+39) 091329456

Internet: http://www.fns.it / e-mail: fns@fns.it
Ufficio Stampa: siciliaindipinnenti@gmail.com

“CUMITATU CITATI ‘I CATANIA”
“Comitato Città di Catania”
http://www.fnscatania.tk (with english introduction and multilanguage translator)
http://www.nonfartifregare.tk
fnscatania@gmail.com
tel (+39) 1786012222 fax (+39) 1782211303
Skype id: nicheja

“CUMITATU CITATI ‘I GIRGENTI”
fnsgirgenti@gmail.com

“CUMITATU MISSINISI”
fnsmissinisi@gmail.com

“CUMITATU NISSENU”
fnsnissenu@gmail.com

«Diamo, quindi, al Popolo Siciliano – in lotta per il suo ideale millenario – la bandiera di un indipendentismo esente da mafiosità e brigantaggio, auspicandone la vittoria nella libertà, nella democrazia, nella giustizia sociale, nella concordia, nella pace e nello spirito europeistico e mediterraneistico».

Giuseppe Montalbano, 1976

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...