Dieta mediterranea per vivere meglio e più a lungo

Dieta mediterranea per vivere meglio e più a lungo

Sono sempre più le ricerche e studi che dimostrano le proprietà di “elisir di linga vita” degli alimenti tipici di una corretta ed equilibrata dieta mediterranea.

Stomaco e apparato digerente rappresentano sempre di più il “tallone d’Achille” anche dei giovani. È, infatti, in crescita il numero dei ragazzi colpiti da malattie gastrointestinali e sotto accusa finiscono gli errati stili di vita.
Ma la guerra a queste patologie, avvertono gli esperti, parte innanzitutto dalla tavola: la dieta mediterranea, infatti, rappresenta un vero e proprio ‘toccasana’, regalando in media 5 anni di speranza di vita in più.
A soffrire di malattie gastrointestinali (seconda causa di morte, preceduta solo dalle patologie cardiovascolari) sono circa 10 milioni di italiani.
E l’allarme, hanno sottolineato oggi gli esperti, si estende sempre di più anche ai giovani: se, infatti, il 50% degli italiani over-50 è ad esempio colpito da gastrite, percentuali in aumento si registrano pure tra i ragazzi per i quali questo tipo di disturbi (in testa, appunto, gastriti, ulcere ed esofagiti) non rappresentano più un’eccezione.
Ma a cosa è dovuta questa impennata delle malattie dell’apparato digerente tra i giovanissimi? Gli specialisti, pur precisando che negli ultimi anni è anche aumentata la capacità di diagnosi per tali disturbi, puntano il dito innanzitutto contro gli errati stili di vita: un aumentato uso di alcol e sigarette, un’alimentazione sempre più disordinata e condizioni di forte stress anche per i più giovani.
Tutti fattori, avvertono, che aiutano a scatenare tali patologie, in parte legate pure a fattori di familiarità, con esiti che possono aggravarsi in mancanza di una diagnosi precoce.
Cosa fare allora? Le malattie gastrointestinali, è il messaggio degli specialisti, si possono prevenire e il primo passo è appunto correggere gli stili di vita, a partire dalla tavola.

Due studi pubblicati sulla rivista Jama – ha affermato il gastroenterologo Enrico Rodadimostrano infatti come la dieta mediterranea risulti fondamentale per la prevenzione delle patologie dell’apparato digerente: ricercatori statunitensi ed europei hanno dimostrato, in due studi distinti, che questo tipo di dieta determina una speranza di vita superiore di 5 anni rispetto al resto della popolazione. Inoltre – ha proseguito – si è osservato come anche per gli anziani, nella fascia di età 70-90 anni, il seguire tale modello di alimentazione abbia effetti notevoli con un aumento della speranza di vita pari a circa 3 anni”.
Ed ancora: altri studi dimostrano, ad esempio, come una dieta ricca di fibre riduca del 30% anche il rischio di cancro al colon. Il consiglio è dunque di consumare più verdura, frutta, legumi, noci e nocciole (tutti alimenti base nella dieta vegetariana) ed evitare, naturalmente, grassi e insaccati per preservare stomaco e apparato digerente. Oltre alla dieta sana è fondamentale anche l’attività fisica, dal momento che il sovrappeso è un altro fattore di rischio. E non dimentichiamoci che il movimento è importante a tutte le età. Basterebbero 20 minuti di passeggiata a buon passo e, quando possibile, preferire le scale all’ascensore.
Suggerimenti di buon senso, tanto apparentemente banali, quanto, purtroppo, disattesi dalla stragrande maggioranza.

Andrea Pietrarota

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...